Imu, la Consulta ridà la doppia esenzione ai coniugi che vivono in due comuni diversi.

Il fisco non può essere nemico della famiglia perché in questo modo andrebbe contro la Costituzione. Su questi presupposti la Consulta ha risolto con la sentenza 209/2022 redatta da Luca Antonini la controversa questione dell'esenzione Imu per i coniugi che vivono in Comuni diversi.

Diritto all'esenzione dall'Imu per entrambi gli immobili.

Partiamo dal dato di fatto: marito e moglie che risiedono in due Comuni per ragioni di lavoro, e che in genere condividono la stessa casa solo nel fine settimana o comunque nei giorni liberi dagli impegni professionali, hanno diritto all'esenzione dall'Imu per entrambi gli immobili. A patto, ovviamente, che rispettino davvero il doppio requisito della residenza e della dimora abituale che permette di non pagare l'imposta.

La regola bocciata

Per arrivare a questa conclusione la sentenza dichiara l'illegittimità costituzionale di una serie di norme introdotte a suo tempo sul tema. L'obiettivo di queste regole bocciate dai giudici delle leggi era antielusivo, perché nel tempo si è scoperto che in molti casi uno dei coniugi dichiarava al Fisco di risiedere nella seconda casa, al mare o in montagna, ma in realtà abitava in città con l'altro famigliare. Ottenendo però per questa via l'esenzione sia per l'abitazione vera e propria sia per la casa di vacanza.

La Corte, dunque, ha ristabilito il diritto all’esenzione per ciascuna abitazione principale delle persone sposate o in unione civile, però ha ritenuto opportuno chiarire che le dichiarazioni di illegittimità costituzionale non determinano, in alcun modo, una situazione in cui le cosiddette “seconde case” ne possano usufruire. Da questo punto di vista, le attestazioni di illecito mirano a responsabilizzare «i comuni e le altre autorità preposte ad effettuare adeguati controlli». Sarà poi la legislazione vigente sul territorio a farsi carico dei controlli in termini efficaci.(ilsole24ore)
 

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter