IMU abitazione principale 2022: cosa cambia con il decreto fiscale

La Legge di conversione del D.L. 146/2021, c.d. decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio, interviene anche in materia di esenzione IMU per l’abitazione principale dal 2022.
Nello specifico, con l’intento di porre fine al contrasto tra le indicazioni del Ministero dell’economia e delle Finanze (MEF) e la Giurisprudenza, il decreto dispone in sostanza che: ove i membri del nucleo familiare abbiano stabilito la residenza in immobili diversi, l’agevolazione vale per un solo immobile per nucleo familiare. Ciò vale sia nel caso di immobili siti nello stesso comune, sia ove gli immobili presenti in comuni diversi.

Ecco cosa cambia sull’esenzione IMU abitazione principale.

Esenzione Imu per l’abitazione principale

In base al comma 741 della Legge 160/2019, Legge di bilancio 2020,
per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.

Per pertinenze dell’abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo.

Dal punto di vista delle agevolazioni , l’IMU non è dovuta dai proprietari di  immobili destinati ad abitazioni principale non di lusso.
Al contrario, pur se abitazione principale, l’IMU si paga per le c.d abitazioni di lusso. Categorie catastali A/1, A/8, A/9. In tale caso, si applica un’aliquota agevolata ed una detrazione di 200 euro (da rapportarsi ai mesi ed alla percentuale di possesso).
Detto ciò la norma prevede che, l’esenzione per l’abitazione principale non di lusso operi per un solo immobile laddove i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nello stesso territorio comunale.
 

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter