Estensione del bonus affitti: il chiarimento dell’agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una FAQ dedicata all’estensione del Bonus affitti prevista dal Decreto Rilancio, allo scopo di contenere il più possibile gli effetti negativi dovuti alla pandemia e ai lockdown.
In particolare, si fa riferimento al contenuto dell’articolo 28, per l’utilizzo in compensazione del credito di imposta spettante per i canoni di locazione degli immobili a uno non abitativo e affitto d’azienda. Viene specificato soprattutto che il beneficiario deve compilare il modello F24 e inserire il codice tributo 6920, istituito con la risoluzione 32/2020.

La proroga al credito di imposta per aziende e imprese

Con l’articolo 4 del decreto sostegni-bis è stata prorogata, e anche estesa, la possibilità di usufruire dello sconto fiscale in relazione all’ammontare mensile del canone di locazione.
Sempre in riferimento a immobili destinati allo svolgimento di attività industriali, commerciali o artigianali. Il credito di imposta relativo al 60% dell’ammontare mensile della locazione di immobili destinati allo svolgimento dell’attività viene prorogato di 3 mesi, fino al 31 luglio 2021.
Viene prorogato anche il credito pari al 50% della rata d’affitto mensile che spetta alle imprese turistico-ricettive, alle agenzie di viaggio e ai tour operator.

L’estensione del credito

Si prevede, inoltre, un credito di imposta pari al 60% del canone mensile per la locazione di immobili a uso non abitativo e del 30% per affitto d’azienda, per gli esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 15 milioni di euro. Agevolazione estesa anche a enti commerciali e religiosi civilmente riconosciuti, in relazione ai canoni versati per ciascun mese da gennaio a maggio 2021.

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter