Catasto rispetto all’urbanistica ha valore sussidiario e non probatorio

Il  catasto è l’inventario dei beni immobili, terreni o fabbricati, esistenti sul territorio nazionale, appartenenti a soggetti privati e pubblici, comprese le superfici occupate da strade e acque.
Attualmente il catasto è un archivio digitale contenente tutte le proprietà immobiliari site in un Comune o una Provincia, con l’indicazione dei proprietari. Esso fornisce le informazioni relative alla localizzazione geografica, all’estensione e alla consistenza di un bene immobiliare, la sua destinazione d’uso e le sue caratteristiche e relativi redditi.

L’articolo 1 della Legge Fondamentale del 1886 definisce il Catasto Italiano come: “Catasto geometrico particellare, fondato sulla misura e sulla stima, non probatorio, allo scopo di accertare la “proprietà” immobiliare, evidenziarne le mutazioni e determinare le imposte”.

C’è una radicata credenza per cui il Catasto sia sufficiente ad attestare la legittima destinazione d’uso, ed è errata. Partiamo da un presupposto fondamentale: il Catasto ha funzione prettamente fiscale, e non ha minimamente funzione urbanistica e di abilitazione in senso edilizio. In maniera ancora più chiara: il Catasto non incide o legittima alcun intervento di trasformazione edilizia né tanto meno funzionale.

La funzione del catasto è quella di censire tutte le proprietà immobiliari presenti sul territorio italiano.
In Italia è suddiviso in due sezioni: il Catasto Terreni, che comprende l’elenco di tutti i terreni di natura agricola e il Catasto Edilizio Urbano (Catasto Fabbricati), che è costituito dagli immobili di natura civile, industriale e commerciale.

Visura Catastale

Le visure catastali e planimetriche sono parte integrante dei documenti necessari in caso di compravendita, con i quali il notaio ed un eventuale tecnico di fiducia verificheranno la congruità tra lo stato dichiarato in catasto e lo stato attuale dell’immobile. In mancanza di tale congruità, si dovranno sanare le difformità.

L’obbligo dell’accatastamento nasce da due esigenze in particolare:

  1. in urbanistica permette la conoscenza dell’esistenza, disposizione e conformazione degli immobili presenti sul suolo;
  2. dal punto di vista fiscale, è utile per conoscere la rendita, cioè il reddito che l’Agenzia delle Entrate attribuisce ad ogni singolo bene immobiliare, sulla base del quale vengono calcolate le imposte.

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter