Bonus mutuo under 36, le nuove agevolazioni.

Il Decreto Sostegni bis è stato approvato recentemente dallo stato, e tra le misure previste per la ripresa economica ce ne sono alcune destinate alle giovani generazioni. Oltre ai bonus per le imprese e per il mercato del lavoro, il Decreto Sostegni bis ha comunicato anche un’importante novità in materia prima casa: il bonus mutuo under 36. Si tratta di una speciale agevolazione per i giovani, sotto i 36 anni, che decidono di acquistare un’immobile da destinare a prima casa.

E’ stato disposto un fondo garanzia mutui pensato appositamente per tutelare maggiormente l’acquisto di una nuova casa per i giovani under 36 che vogliono stabilire la propria residenza o adibire l’immobile a prima abitazione.

Bonus mutuo under 36 all’80%

Le aspettative non sono state confermate al 100%. 
I giovani possono utilizzare il bonus mutuo under 36 solamente se l’ISEE è inferiore a 40.000 euro annui. Il governo in precedenza non aveva accennato a questo tipo di limitazione, che di fatto rischia di tagliare fuori una buona fetta di giovani lavoratori italiani.
Con l’approvazione del Decreto Sostegni bis è arrivata anche la conferma in questo proposito, anche se non tutti l’hanno accolta positivamente. Oltre al limite ISEE di 40.000 euro, la misura consiste in una garanzia sull’acquisto da parte dello stato dell’80% anziché del 100% sperato e inizialmente ipotizzato.

Questo vuol dire che lo stato farà da garante al giovane under 36 non sulla cifra complessiva relativa al mutuo, ma sull’80%. E solo se il giovane attesta un ISEE non superiore ai 40.000 euro.

Agevolazioni fiscali per gli under 36 che acquistano casa

Oltre alle particolarità viste prima, il Decreto Sostegni bis ha confermato altre agevolazioni fiscali disponibili per i giovani under 36 che decidono di adibire a prima casa un nuovo immobile, comprato tramite mutuo:
•    Cancellate le imposte di registro, catastale e ipotecaria;
•    Cancellate le imposte sostitutive sui mutui;
•    Il fondo garanzia per i mutui garantisce non il 50% o il 100% come ipotizzato, ma la copertura dell’80% della quota sui finanziamenti per acquistare l’abitazione;

•    L’imposta di registro è cancellata per tutti i giovani, indipendentemente dal reddito;
•    Il fondo sarà disponibile fino a fine 2022, e verrà finanziato con altri 55 milioni di euro;
•    Beneficio del credito di imposta nel caso di Iva.

Secondo le misure e i criteri di accesso al bonus mutuo under 36, capiamo che l’iniziativa è volta a sostenere le giovani generazioni nella creazione di una propria indipendenza dalle famiglie di origine, in questo periodo difficile.
Nella misura sono previste comunque delle limitazioni, non solo per l’età dei beneficiari, ma anche a livello di reddito. Questo perché gli aiuti andranno a quei giovani che si trovano in una situazione economica svantaggiata o con un reddito medio basso.
 

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter