Bonus mutuo prima casa


Una vera e propria dichiarazione di intenti da parte del Governo. Permettere ai giovani di mettere su famiglia, grazie al bonus mutuo prima casa. Per mettere i ragazzi nella condizione di rendersi autonomi, è necessario rispondere a tre loro richieste:

  • welfare adeguato;
  • casa;
  • lavoro sicuro.

Proprio per questo nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza c'è un aiuto concreto alle giovani coppie, che sono alla ricerca della prima casa. Arriva una forma di garanzia statale, grazie alla quale potranno acquistare un immobile sottoscrivendo un mutuo, ma senza dover versare alcun anticipo. Sarà direttamente lo Stato a fare da Garante per gli under 35. Un vero e proprio bonus mutuo, rivolto alle coppie più giovani.

Bonus  mutuo, un incentivo alle nuove famiglie!

Grazie a questa iniziativa il Governo ha intenzione di incoraggiare i giovani a mettere su famiglia. L'Italia è uno dei paesi europei che occupano la posizione più bassa per lo sviluppo demografico.
L'obiettivo del nuovo esecutivo, in estrema sintesi, è quello di provvedere a rilanciare la crescita demografica, fornendo un aiuto concreto alle giovani coppie. Quindi non arriverà unicamente un aiuto diretto per acquistare casa, grazie al bonus mutuo, ma si provvederà a pensare anche al welfare, all'asilo nido ed al lavoro. I fondi che arriveranno dall'Europa serviranno anche a questo.

Bonus mutuo, in che cosa consiste!

Proviamo a dare un'occhiata a quello che possiamo definire a tutti gli effetti un bonus mutuo prima casa. L'intenzione del Governo è quella di favorire l'acquisto della prima casa al maggior numero possibile di giovani coppie. Attualmente, però, con la crisi economica ed il basso tasso di interessi, i finanziamenti bancari non arrivano con una particolare facilità. A questo dobbiamo anche aggiungere che per alcuni cittadini permane la questione della quota dell'immobile non coperta dall'ipoteca, che dovrebbe essere pagata in anticipo o finanziata in altro modo.

Grazie al bonus mutuo prima casa, il Governo vuole evitare il problema dell'anticipo, facendo diventare lo Stato garante del mutuo. Questa garanzia permetterà agli istituti di credito di erogare una quota pari al 100% del valore dell'immobile. Ad essere sinceri, comunque, la Consap provvede già a fornire un servizio di questo genere, grazie al Fondo per la Prima Casa, istituito nel 2013 e rifinanziato più volte. Al momento, però, l'iniziativa non ha registrato grandi adesioni.

Alla garanzia statale potranno ricorre i giovani fino a 35 anni di età: lo Stato provvederà ad aiutare le giovani coppie coniugate ed i nuclei monogenitoriali con figli a carico. In seguito potrebbe arrivare anche un ampliamento della detrazione fiscale, che ad oggi permette di risparmiare fino al 19% degli interessi su una spesa massima di 4.000 euro ogni anno.

Immobili In evidenza

Iscriviti alla nostra newsletter